La clessidra del tempo – The hourglass of time

Potrebbe essere un'immagine raffigurante margherita africana, attività all'aperto e testo

     ALBA

Scivola il tempo come vela al vento,

appare e poi scompare

oltre la cortina di vapori

in curva d’orizzonte.

Sa d’alba ogni pensiero,

raccolto in fasci sparsi

come fiori di campo.

Astruso è il tempo,

sfugge alla noia del giorno,

chiuso in contemplazione

del riflesso d’un sogno.

Duro anche è sognare

quando biancheggia all’alba

il vicino monte

e dei pennuti si leva il canto.

Rovi crescono attorno

ad antiche macerie

e ruderi sparsi a memoria.

L’ansia dell’ora muore

mentre lieve speranza

rinasce sotto un tiepido sole.

      *MERIDIE

Del tepore accolgo

raggi di sole in ritagli di luce

quando il mio corpo stanco

volge allo zenit lo sguardo.

Stracci di nubi scorrono

sfilacciati nel cielo glaciale

che sulla natura ristagna

e tutto tace nel silenzio dell’ora.

Lacustre distesa muta d’onde:

soccombe a silenzi forzati

il mare, che a riva sciaborda

con lieve tocco di sponde

in bassa marea.

Incrociano voli solerti

gabbiani alla ricerca di cibo:

cielo e terra sono congiunti

in un comune dolore.

    * TRAMONTO

Al tramontar del giorno

cala un velo di malinconia,

s’eclissa il sole

in un’accesa policromia.

S’adagia il disco

con simulata noia

sopra il crinale di colline.

Di questo tempo assurdo

colgo avida luce di pace

a stemperar la noia.

Tiepida sera d’inverno:

di normalità s’è persa memoria.

Si rinnova incerta la speranza

nell’attesa di un’alba nuova.

The hourglass of time

        SUNRISE

Time glides like a sail in the wind,
appears and then disappears
beyond the curtain of vapors
in the curve of the horizon.

Every thought smells of dawn,
collected in scattered bundles
like wildflowers.

Time is abstruse,
escapes the boredom of the day,
closed in contemplation
of the reflection of a dream.

Hard is also dreaming
when it is white at dawn
the nearby mountain
and the song rises from the birds.

Brambles grow around
to ancient rubble
and scattered ruins from memory.

The anxiety of the hour dies
while slight hope
reborn under a warm sun.

       * NOON

I welcome some warmth
sunbeams in light cutouts
when my tired body 

turns his gaze to the zenith.

Rags of clouds flow
frayed in the glacial sky
that stagnates on nature
and all is silent in the silence of the hour.

The lacustrine expanse of waves:
succumbs to forced silences
the sea, which laps on the shore
with a slight touch of banks at low tide.

They meet diligent flights
seagulls looking for food:
heaven and earth are conjoined
in a common pain. 

* SUNSET

As the day goes down
a veil of melancholy falls,
the sun goes out
in bright polychromy.

The disc lays down
with simulated boredom
over the ridge of hills.

Of this absurd time
I catch the greedy light of peace
to dissolve the trouble.

Warm winter evening:
the memory of normality has been lost.
Hope is renewed uncertainly
waiting for a new dawn.

Proscenio da spaccio –

💃Sono onorata di avere tre delle mie recenti poesie sul Covid-19 pubblicate nell’Antologia “Quarantena a Combray”  www.LaRecherche.it  Antologia proustiana

 https://www.larecherche.it/…/Quarantena_a_Combray_di_AaVv.p…
a cura di Giuliano Brenna & Roberto Maggiani.

💃 I am honored to have three of my latest poems on Covid-19  published in the Combray Quarantine Anthology www.LaRecherche.it

https://www.larecherche.it/…/Quarantena_a_Combray_di_AaVv.p…

Proustian anthology by Giuliano Brenna & Roberto Maggiani

PROSCENIO DA SPACCIO

S’alza il sipario sulla lunga coda
d’uomini e donne mascherati in fila.
Apre fauci a comando lo spaccio,
pesante è l’attesa in gran delirio.

Come cavalloni in fuga,
pensieri van selvaggi verso riva.
L’approdo è là dopo lunga attesa
d’anime distanziate da delirio.

Senza nerbo ciondola il pensiero,
rifulge duro sull’asfalto il sole,
specchio di torpore disatteso
dopo tanti giorni di squallore.

Si libra in aria solitario
un gabbiano dalla marina,
plana sulla folla leggero
sorvolando l’umana follia.

                   ***

   Mall show 

The curtain rises on the long tail
masked men and women lined up.
The shop jaws on command opens,
the wait is very delirious.

Like runaway horses,
wild thoughts van to shore.
The landing is there after a long wait
of souls separated by delirium.

Thoughtless, dangles thought,
the sun shines hard on the asphalt,
mirror of numbness
after so many days of squalor.

It hovers in solitary air
a seagull from the marina,
glides over the queue
flying over human madness.

By Franca Colozzo

*

The seagulls of Istanbul – I gabbiani di Istanbul

 The seagulls of Istanbul

They weave seagulls,

white and bright arrows
in the evening of Istanbul.

Sleepy minarets and mosques
in the burnished atmosphere,
veil stretched by invisible hand.

A slight tremor throbs,
a prayer, a voice,
high and vibrant
inviting to the mosque.

It’s time of silence,
of man, of God…
Only the song is heard,
only that remains…

Seagulls float in the air
like boats cradled by the waves,
they swing lightly
till you won’t hear
more litany or voice.

By Franca Colozzo

I gabbiani di Istanbul

Intrecciano voli i gabbiani,

frecce bianche e luminose

nella sera che cala su Istanbul.

Sonnecchiano minareti e moschee

nell’atmosfera brunita,

velo teso da mano invisibile.

Un fremito leggero pulsa,

una preghiera, una voce,

alta e vibrante

che invita alla moschea. 

E’ l’ora del silenzio,

dell’uomo, di Dio…

Solo il canto s’ode,

solo questo resta… 

I gabbiani fluttuano nell’aria

come barche cullate da onde,

dondolano lievi finché tace

ogni litania, ogni voce.

*

Ore amanti – Hours lovers

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, spazio all'aperto e natura

       ORE AMANTI

L’ora degli amanti non ha clessidra,

chiusa in un raggio di muta essenza,

battito d’ali intangibile il tempo,

specchio infinito d’ieri e domani.

Tace l’ora che oggi è silente.

Scandisce un rintocco lontano,

fuga di pensieri dalla mia mente

conturbata dal ricordo del mare.

Mare, amante senza pretese,

cui chiedo ora carezze invano,

come Venere nata da spuma

nel mito d’una valva solitaria.

Tace il pensiero naufrago ormai

su sponde senza soluzione,

pigro s’assopisce al sole,

perso laggiù al limitare

tra cielo e mare in sospensione.

Sento l’ansia di cavalcare l’onda,

immergermi così tra amate sponde,

baciare la riva degli approdi

e, come Ulisse, veleggiare ancora 

laggiù oltre l’orizzonte

nel consueto ritmare dell’ora.   

               ***

      Hours lovers

Lovers’ hour has no hourglass,

locked in a ray of mute essence,

intangible wingbeat time,

endless mirror of yesterday.

The hour is silent today.

A distant sound is heard,

flight of thought from my mind

troubled by the memory of the sea. 

Sea, a lover unpretentious, 

to which I ask caresses in vain,

like Venus born of foam

in a mythical  lonely shell. 

Wrecked thought is now silent 

on shores with no solution, 

they lazy asleep in the sun, 

lost over there at the edge 

between sky and sea in suspension. 

I feel the anxiety of riding the wave, 

to soak so deep amidst beloved shores, 

kissing the seashore 

and, like Odysseus, to sail again  

over the horizon 

in the usual mental time.

By Franca Colozzo

*

ODE to JOY

 –  Voglio condividere con voi una poesia, scritta per conto dell’Inspad (Istituto di Pace e Sviluppo) International Peace Orchestra, in stile shakespeariano per armonizzarsi con la musica di Beethoven: “Ode alla gioia”. Il video è quello scelto per la mia pagina. Per dissipare le ombre che la pandemia ha inevitabilmente gettato in modo cupo sul mondo, ho voluto dare un ulteriore contributo. Un invito a tutti voi alla vita, alla rinascita, al rinnovamento interiore. Di solito non scrivo in rima, ma era necessario armonizzare l’ode con la musica dell’orchestra diretta dall’Ambasciatore della Pace, Juan Keen, e dalla cantante italiana e Ambasciatrice di Pace, Lina Senese.

                                                          ***      

I want to share with you a poem, written on behalf of the Inspad (Institute of Peace and Development) International Peace Orchestra, in the Shakespearean style to harmonize with Beethoven’s music: “Ode to joy”. The video is the one chosen for my page. To dispel the shadows that the pandemic has inevitably cast darkly on the world, I wanted to make a further contribution. An invitation to all of you to life, to rebirth, to inner renewal. Usually I don’t write in rhyme, but it was necessary to harmonize with the music in question of the orchestra conducted by the Ambassador of Peace, Juan Keen, and by the Italian singer and Ambassador of Peace, Lina Senese.

🌸🍀 GIOIOSO, 🌸

Sintonizzati:  ODE to JOY,  

Joyful, joyful, here is spring
like a cascade of white jasmine,
the song in chorus let us sing 

from the sea rises a mild wind
I feel my heartbeat faster in me
shadows now seem soon disappear.

Leave your sadness and join us
the sun returns to shine again
Rebirth of soul in a harmonious
silence breaks each world barrier,
God of glory, Wave of love
Joyful, joyful all people in the choir sing.

Violence and war are far memory.
Descend light on us from Heaven.
Spring is here midst us again!
God’s blessings come upon men,
fill us with the light of the sun’s
rays, while brooks are singing
let’s run on rainbow fields.

Let all people join the chorus,
Let’s sing the glory to our Lord,
Lightly free like birds in the sky.
Song of peace, song of joy.
Oh my God, new dawn it seems
at once was born from the seeds!

By Franca Colozzo

* Libera traduzione in italiano

INNO ALLA GIOIA

Gioiosi, gioiosi ecco la primavera,
cascata di gelsomini in fiore.
Si canti in coro la nostra canzone,  
dal mare s’alza brezza leggera.
Sento il mio cuore battere forte, 
le ombre sembrano andare via.

Lascia la tua tristezza e unisciti a noi
il sole ritorni a splendere di nuovo.
Rinasca l’anima in armonia 
e rompa del silenzio ogni barriera,
Dio della gloria, onda d’amore!
persone liete cantino in coro.

Violenza e guerra remote memorie,
scenda sull’umanità luce dal Cielo.
La primavera è di nuovo tra noi!
Piovano celesti benedizioni,
la luce del sole s’irradi su noi,
mentre allegri rivi gorgogliano
corriamo su campi arcobaleno.

Si uniscano tutte le persone al coro,
cantiamo la gloria al nostro Signore,
liberi come uccelli in cielo.
Canto della pace, canto della gioia.
O mio Dio, ecco un’alba nuova
all’improvviso sorge dai semi!

*

25 aprile – April 25th   25 APRILE

Adoro questo giorno,

sento la solitaria voce

dei profumi di maggio.

Ecco la brezza:

la mia anima scorre

verso il mare lontano.

So che puoi

sentirmi a malapena

da tanta distanza.

Il tempo bussa

alle porte della mia età

resiliente agli anni.

Chiusa nei miei pensieri,

il respiro vola lieve

tra nuvole intriganti.

Sola con le mie paure,

sento il tuo respiro

sulla mia anima ora.

(*) English

 APRIL 25th 

I love this day,
I feel lonely voice 
of May’s scents.

Here is the breeze:
my soul flies
to the distant sea.

I know you can
barely feel me
from such a distance.

Time knocks
at the door of my age
resilient to the years.

Closed in my thoughts,
the breath flies lightly
among intriguing clouds.
  
Alone with my fears,
I feel your breath
on my soul now.

By Franca Colozzo

*

Inno alla Pace, Inno alla Vita – Hymn to Peace, Hymn to Life

Potrebbe essere un'immagine raffigurante fiore, albero di frutta con nocciolo e attività all'aperto

  Per un Coro sulla Pace – For a Chorus about Peace

INNO ALLA PACE

INNO ALLA VITA

Questi tempi bui

di tristezza e gelo

coperti son da un velo!

Ecco la primavera!

Cancellerà ogni pena

con la sua lieve brezza,

ogni male, ogni amarezza.

Sia del passato il ricordo

solo ombra leggera!

Inno alla Pace

Inno alla Vita

Cali celeste luce,

pioggia infinita.

I tempi del compianto,

zolle di freddo inverno,

sanno di clausura.

Ecco la primavera

ancora sulla Terra,

incurante del dolore

d’uomini sempre in guerra.

Divine benedizioni

scendano su di noi.

Teniamoci per mano,

su un’iride corriamo!

 Evviva, Evviva!

Gorgogliano rivi

su verdi prati, giulivi 

risuonino i nostri cori.

Rimosse siano le barriere

tra i popoli del mondo.

Obliamo ogni dolore,

uniamoci tutti insieme

in un’onda d’armonia

pace e amore.

Sia questa la Pasqua vera!

Onde, onde di gioia,

senza violenze e guerra,

ci liberino dalla noia.

Un’alba nuova si leva

e noi cantiamo in coro:

           §§§

HYMN TO PEACE

HYMN TO LIFE 


These dark times of sadness and frost
are ending!
Here is spring. Every pain will be deleted
By its light breeze,
every evil, every shadow.
May our pain remains
only a vague memory!

Hymn to peace
Hymn to life

May descend light
on us from Heaven.
These times of sadness
and frost will end!
Here is spring
between us again!
God’s blessings upon us,
rebirth is here again.

Let’s hold each other
tight and feel happy.
Let’s hold hands,
in a circle around the Earth.

Hurray, Hurray!
Hymn to peace
Hymn to life

Get the pain out of us
because of dark days!
In spring each brook sings,
let’s run on rainbow meadows.
Barriers are removed
amongst all men.

Leave your sadness,
let’s all join together!
Rebirth of humanity
in harmony and peace.
Be this the true Easter!
Waves, waves of joy,
without violence and war.

Hymn to peace
Hymn to life

Oh my God, the new dawn
right now has bloomed over!

 By Franca Colozzo

*

Trilli a #Primavera – Trills in Spring

L'immagine può contenere: fiore, pianta, natura e spazio all'aperto

 Trilli a Primavera

Cala su giorni anonimi il sipario,

fulminea quiete che delle città

scuote vetuste mura.

Pace apparente nel caos

ascende in spire

or ch’ogni suono tace.

S’adagia il mio pensiero aprico

a sfiorar lame di luce  

dove l’orizzonte amico

abbraccia cielo e mare.

Vaga la mia voce senza suono

nel castello di memorie antiche.

Spettrale di notte avanza la paura,

all’alba trillo di cinciallegra s’ode in giro.

S’alza ansimante dalla terra affanno,

ma sento nel cuore mio affranto

ch’è giunta ormai la Primavera. 

               

 Trills in Spring

On anonymous days the curtain falls

lightning-fast peace of the cities

shakes their ancient walls.

Apparent peace in the chaos

ascends in spirals

now that every sound is silent.

My sunny thought, resting,

grazes  blades of light

where the friendly horizon

embraces sea and sky.

Wanders my voice without sound

in the castle of ancient memories.

Awful at night, fear advances,

then at dawn I hear larks’ trill.

A wheeze rises gasping from the earth,

but I feel inside my sad heart

that by now has arrived Spring. 

By Franca Colozzo

*

Per non dimenticare i 10 lunghi anni della guerra di #Siria, la sofferenza del suo popolo, la strage di innocenti, una generazione cancellata dalla memoria del mondo e della storia. Che futuro avranno mai i bambini siriani? Mi sovviene ora, dopo aver partecipato ieri ad un interessante zoom webinar condotto sulla Siria, che ora mi ritorna alla memoria in tutta la sua portata tragica ed inesorabile degli eventi che affliggono l’area #mediorientale, incluso il nodo irrisolto della questione #palestinese. La mia poesia è un omaggio ai siriani ed alla #Primavere #arabe stroncate insieme alle vite di tanti bambini.https://www.larecherche.it/…/bastet_1_20170411183614

#Siria. LA BAMBINA AZZURRA 

Un padre col suo fardello lieve

una bambina azzurrain braccio tiene,

azzurra com’il cielo

da cui una bomba su inermi

gas Sarin seminò ieri. 

Quanto dolore in quel gesto

affranto e quanto amore!

Un padre, un padre solo,

disperato e stanco,

alita sulla sua creatura,

spera di riportarla in vita.

Chiede a Dio perdono

lungo la via più breve:

va all’ospedale ferito

in mezzo alle macerie.

 Molli le braccia,

oscillanti al gelo,

muti gli occhi assopiti,

bambola a ostile cielo

dal padre è data in dono.

Forse un’offerta,

forse una preghiera,

chissà qual molla muova

dell’uomo il passo

che, con tanto zelo,

supera ormai del dolore

anche il trapasso.        

        §§§ 

 #Syria. THE BLUE GIRL

 A father with his frail weight

a blue girl in his arms holds,

blue as the Syrian sky

from which a bomb on innocents

Sarin gas has sown.

 How much pain in that gesture

and how much love!

A father, an alone father,

desperate and tired,

breathes on his creature:

he hopes to bring her back to life.

He asks forgiveness from God

along the shortest way:

to the hospital, he goes

in the midst of the rubble.

Weak arms,swinging to frost,

closed her sleepy eyes,

a doll to the hostile sky

the father gives as a gift.

Perhaps an offer,

perhaps a prayer,

who knows what brings

the man on those ruins!

Poor man, with a strength

big like his pain,with his blue girl

between his naked arms

the death fights in vain. 

By @Franca Colozzo

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, persone in piedi, attività all'aperto e testo

      Commenta  Condividi  

*

Baluardo Antico – Ancient Bulwark

The Pope is truly a bulwark against any attack on religions and the environment, as old as the Catholic Church which boasts 2,000 years of history.Il Papa è davvero un baluardo contro ogni attacco alle religioni e all’ambiente, antico quanto la Chiesa cattolica che vanta 2000 anni di storia.

Perché è così importante l'incontro tra il Papa e l'ayatollah Ali al Sistani  - Il Post

 BALUARDO ANTICO

Poesia dedicata a Papa Francesco 

Solingo in mare,

avverso alle tempeste,

Baluardo antico vado a rimirare

quando delle onde si placa il turbamento

e del cielo riverso specchio appare.

S’alza allora un coro di gabbiani,

le cui grida straziano il mio cuore.

Di pesci c’è scarsità nei fondali,

solo plastica emerge in sparsi grani.

 Di stagioni passate or mi sovviene,

intenta in giro ad osservare

alghe, conchiglie e creature rare… 

Sembrano così remote le stagioni,

nei miei anni di vita giammai vidi

sì tremenda e repentina distruzione. 

Veloce è il vento della decadenza,

molto più della coesistenza

d’un mondo probo, incline alla ragione,

di Pace convinto costruttore.  

§§§

 ANCIENT BULWARK

A poem dedicated to Pope Francesco 

Lonely in the sea, averse to storms,

ancient bulwark I’m going to gaze

when the turmoil quiets of the waves

and of the sky, a calm mirror appears. 

Then a choir of seagulls rises,

whose cries tear my heart apart.

There is a lack of fish in the seabed,

only plastic emerges everywhere.

 Now I remember past seasons

while I am intent on observing

algae, shells, and sea creatures … 

So remote that time seems,

I never saw in my life years

so terrible and sudden destructions. 

Swift is the wind of decay,

much more than the coexistence

 of an upright world, prone to reason,

of Pace true builder in this season.

By Franca Colozzo

*

Vagiti di stagione – Seasonal whispers

Potrebbe essere un'immagine raffigurante natura e corpo idrico

 VAGITI DI STAGIONE

al sole

sui campi e in riva al mare,

addormentati sotto coltri invernali. 

ogni accenno d’onda

a sgocciolar d’inverno la noia.

 Apro il cuore alla gioia,

luce pura che scende in stille,

schiuse all’olfatto.

 Son tralci di sogni d’un tempo

senza tempo, immobile e fermo,

nella sua imperscrutabile stasi. 

§§§ 

SEASONAL WHISPERS

 I open the window to the sun,

to the rays that heat

the first seasonal whispers.

 The air vibrates in the dawn

on the fields and by the sea,

fallen asleep under winter blankets.

 Every leaf sways in silence,

every hint of a wave

to drain the boredom of the winter.

 I open my heart to joy,

pure light that descends in drops,

as smelled sparks. 

They are ghosts of past dreams

of a time still blocked

in its inscrutable stasis.

 by Franca Colozzo

*

Primo Vere – Spring_ 1 March, 2021

Potrebbe essere un'immagine raffigurante natura

   PRIMO VERE

    1 Marzo 2021

Scendi com’un velo,

o Pace, che tra sfacelo

suggo dai raggi

dilavati dal vento. 

Marzo s’affaccia

sulla terrazza aprica

a sfoggiar primavera

foriera d’odorose sere. 

Cospargo il corpo spento

con briciole di cento

essenze che l’aere

porta giù dai monti. 

Il mare con incerta mano

sfioro tra bagliori lontani

pettinati dal vento. 

S’alza un lamento antico

dal carrubo in fiore.

Si leva dal giardino

com’un grido di dolore.

Dov’il silenzio alberga,

alberga pace

e l’anima veleggia

oltre gli angusti confini

degli uccelli rapaci.

             §§§

           SPRING

       1 March 2021

You come down in a veil,

Peace, that amidst shadows

I suck from the rays

washed away by the wind.

March appears on my terrace

and flaunts Spring,

herald of fragrances.

I sprinkle my body

with crumbs of essences

that the air brings

down from the hills.

The sea, with uncertain hand, 

I touch amid distant glows

combed by the wind.

An ancient lament rises

from the carob tree in bloom,

and from the garden

like a cry of pain.

Where silence dwells,

it dwells peace

and the soul sails

beyond the narrow confines

of the birds of prey.

By Franca Colozzo

*

Comedy Unveiled / Commedia svelata_Dante Alighieri

Potrebbe essere un'immagine in bianco e nero raffigurante albero

Dante in the Hell 

 COMMEDIA SVELATA   –      Dante Alighieri 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

*

Yasin Malik_ Safar-i-Azadi (Freedom Journey)

 * Ma chi è Yasin Malik?

Yasin Malik (nato nel 1966) è un leader separatista del Kashmir ed ex militante che sostiene la separazione del Kashmir sia dall’India che dal Pakistan. Nel marzo 2020, Malik è stato accusato dell’omicidio di quattro membri del personale dell’aviazione indiana durante un attacco nel 1990 ed è attualmente sotto processo. Sta anche affrontando un processo per il rapimento di Rubaiyya Sayeed. Attualmente è detenuto nella prigione di Tihar. Rischia la morte, dopo il prossimo processo del 3-4 marzo. (Wikipedia)
Io personalmente l’ho definito il “Robin Hood del Kashmir”, cioè un combattente per i diritti umani e la giustizia sociale. Ma sarà la storia a definirlo eroe o meno. La mia campagna segue le tante altre da me portate avanti a beneficio di alcuni eroi moderni ignorati dai più. Le mie poesie, oltre ai temi dell’amore e della natura, seguono sempre le vicende umane delle persone, spesso dai volti sconosciuti, ma che combattono per i loro diritti.
Il soggetto in questione, Yasin Malik è su Wikipedia ed esattamente là ho cercato di capire di più sul suo personaggio, identificandomi in lui e scrivendo questa poesia a mo’ di dialogo tra me e la sua anima.
La mia ultima raccolta di poesie, volutamente in inglese (ma mi riprometto di farlo anche in italiano), si intitola appunto “Tempi dannati”.
https://www.amazon.it/Damned-times-English-Franca-Colozzo-ebook/dp/B08FD2JNJK

* But who is Yasin Malik?

Yasin Malik (born 1966) is a Kashmir separatist leader and former militant who advocates for Kashmir’s separation from both India and Pakistan. In March 2020, Malik was charged with the murder of four Indian Air Force personnel during an attack in 1990 and is currently on trial. He is also facing a trial for the kidnapping of Rubaiyya Sayeed. He is currently being held in Tihar Prison. He risks death after the next trial on March 3-4. (Wikipedia)
I personally have called him the “Robin Hood of Kashmir”, that is, a fighter for human rights and social justice. But history will define him as a hero or not. My campaign follows the many others I have carried out for the benefit of some modern heroes ignored by most. My poems, in addition to the themes of love and nature, always follow the human events of people, often with unknown faces, but who fight for their rights.
The subject in question, Yasin Malik is on Wikipedia and exactly there I tried to understand more about his character, identifying myself with him and writing this poem as a dialogue between me and his soul.
My latest collection of poems, deliberately in English (but I plan to do it in Italian too), is called “Tempi dannati”.
https://www.amazon.it/Damned-times-English-Franca-Colozzo-ebook/dp/B08FD2JNJK

        YASIN MALIK

Safar-i-Azadi (Freedom Journey)

Who are you, Yasin Malik?

Are you a killer,

a terrorist?

How many murders have you seen?

How many killings?

Young, in Srinagar you were:

a spectator of bloody hands

against poor taxi drivers.

Who are you, Yasin?

Syed Salahuddin

is my new name,

I have become a warrior,

a Mujahideen

for freedom, for J&K

I’ve gotten so far away.

“Why was your road so hard?

Why did you become a terrorist? “

“I’ve lost my way,

 my roots are in J&K …”

Safar-i-Azadi (Freedom Journey)

calls all of you tomorrow.

Are you ready?

“Oh, this prison is too hard right now!

So cold it’s for my bare skin!”

Four Indian aviators died!

Do you remember they cried?

When it happened

you lost your dreams.

Your thirst for justice

screams from the roots of terror.

How far, how sad!

Why are you in this cold prison?

Srinagar, January 25, 1990

under the gate of heaven

4 dead people are waiting for you.

Now the Indians want you to die.

A fighter, a terrorist for the freedom

you have become, your eyes are like

sparks of coal burning in the night

of freedom and justice.

When will the sunshine?

We are claiming your freedom,

And you?

Safar-i-Azadi (Journey of Freedom).

                  *

         YASIN MALIK

Safar-i-Azadi (Freedom Journey)

Chi sei, Yasin Malik?
Sei un assassino
un terrorista?
Quanti omicidi hai visto?
Quante uccisioni?
Giovane, a Srinagar eri:
uno spettatore di mani insanguinate
contro i poveri tassisti.

Chi sei Yasin?
“Syed Salahuddin”


è il mio nuovo nome,
Sono diventato un guerriero,
un Mujahideen
per la libertà, per J&K
Sono andato così lontano.

“Perché la tua strada è stata così difficile?
Perché sei diventato un terrorista? “
“Ho perso la mia strada,
le mie radici sono in J&K …”

Safar-i-Azadi (Freedom Journey)
chiama tutti voi domani.
Siete pronti?
“Oh, questa prigione è troppo difficile adesso!
Così freddo è per la mia pelle nuda!”


Quattro aviatori indiani sono morti!
Ti ricordi che hanno pianto?
Quando è successo
hai perso i tuoi sogni.
La tua sete di giustizia
urla dalle radici del terrore.
Quanto lontano, quanto triste!
Perché sei in questa fredda prigione?

Srinagar, 25 gennaio 1990
sotto la porta del cielo
4 persone morte ti stanno aspettando.
Ora gli indiani vogliono che tu muoia.
Un combattente, un terrorista per la libertà
sei diventato, i tuoi occhi sono come
scintille di carbone che brucia nella notte
di libertà e giustizia.
Quando arriverà il sole?
Stiamo rivendicando la tua libertà,
E tu?
Safar-i-Azadi (Viaggio della libertà).

*

Chiuso è l’Altino – Mount Altino is closed

Monte Altino con il Redentore e la catena dei M. Aurunci che coronano il Golfo di Gaeta.Monte Altino with the Redentore and the mountain chain of the Aurunci mountains that crown the Gulf of Gaeta.   

 CHIUSO E’ L’ALTINO 

I gabbiani sorvolano il giardino,

recan sulle ali l’alito marino,

sfidan il biancheggiare del maestrale,

tra raffiche di neve e latteo sale,

volano in alto e in cerchi ampi,

affamati, si posano sui campi. 

Ulula i mare e dai lontani monti

s’alza un canto dalle sorgive fonti,

di Capodacqua immagino il rio,

ora muto, dell’uomo teme il fio…

Il freddo giunge, annunciata morte,

ogni zolla di terra è più dura e forte.

 File di campagne s’aprono spoglie,

del carrubo ecco le prime foglie!

Tace il sentiero di memorie avite,

tra rovi coi primi sbocci e la vite,

esposta ai rigori dell’inverno,

tende braccia nodose d’Averno… 

Chiuso è l’Altino, d’Aurunci baluardo,

s’ammanta di neve anche il prunalbo.

Tra fiori in boccio e cristalli di ghiaccio

resta immobile nel gelido abbraccio.

Tace il carrubo con le foglie nuove,

tremano al vento ch’or le sommuove.

* In English

      MOUNT ALTINO 


The seagulls fly over the garden,
they have sea breath on their wings,
challenge the whiteness of the mistral,
between gusts of snow and milky salt,
fly high and in wide circles,
hungry, they settle in the fields.

Howling from the sea and from the distant mountains
a song rises from the spring sources,
of Capodacqua I imagine the river,
now mute, man fears the …
The cold comes, death announced,
every clod of earth is harder and stronger.

Rows of campaigns open bare,
here are the first leaves of the carob tree!
The path of ancestral memories is silent,
between brambles with the first blossoms and the vine,
exposed to the rigors of winter,
Avernus tends gnarled arms …

Closed is the Altino, a bastion of Aurunci,
even the prunalbo is covered with snow.
Between blossoming flowers and ice crystals
remains motionless in the icy embrace.
The carob tree with its new leaves is silent,
they tremble in the wind that now stirs them.

By Franca Colozzo

*

Natale in bianco – Christmas in white

Immagine

NATALE IN BIANCO

Il battito del tempo è bianco

come questo Natale, 

sospeso tra le nubi,

ch’albeggia sui pensieri,

e vola etereo

per bimbi/adulti

alla rincorsa di regali

ormai inattesi.

Natale in bianco,

ieri tra clamori e luci.

Non mi viene altro

da fare che aspettare

un altro Natale.

Ma che non sia meglio

scorgere sull’uscio

un vecchio canuto

che non ama il chiasso?

Già, ch’era solo ieri

quando del suo passo

ho avvertito l’oppressione,

solo ostentazione 

tra luci scintillanti.

Ora mi volto e l’uscio

ammicca all’orfanello,

nudo e privo di orpelli.

Christmas in white

The beat of time is white
like this Christmas,
suspended in the clouds,
that dawns on thoughts,
and fly ethereal
for children/adults
who run after gifts
now unexpected.

Yesterday Christmas in white,  
amid clamor and lights.
Have I to wait for
another one?
But isn’t it better
beyond the door to see
a gray-haired old man
who doesn’t like noise?

Yes, it was only yesterday
when of his step
I felt the oppression
and a fake ostentation
amid sparkling lights.
Now I turn and the door
winks at an orphan,
naked and devoid of frills.

By Franca Colozzo

*

Nacked soul

L'immagine può contenere: 1 persona

      ANIMA NUDA

Amo questa giornata di sole

senza veli,

il vento è venuto

ed  ha trascinato via

il mio corpo

come foglia ad ottobre.

So che ti stai chiedendo

della mia anima nuda.

So che il tempo bussa

alle porte della mia età,

ma mi sento giovane

nella mia follia.

So che sei  prigioniero

dei tuoi pensieri ora

e non t’importa.

Ma mi sento sola

con le mie paure.

Dimmi per favore

che sei vicino ancora  

all’anima mia, amore.

           §§§

NACKED SOUL


I love this sunny day
without veil,
the wind has come
and dragged away
my body
as a leaf in October.

I know you are wondering
of my naked soul.
I know time is knocking
at the gates of my age,
but I feel young
in my madness.

I know you are a prisoner
of your thoughts now
and you don’t care.
But I feel lonely
with my fears.
Tell me, please
you are still close
to my soul, love.

By Franca Colozzo

*

Tardiva Estate – Late Summer

   TARDIVA ESTATE


Ritmi la risacca abbandona
sulla riva dilavata e stanca.
S’aprono stanze di silenzi
tra rocce dov’il sol s’attarda
in grappoli di luce.

Annuso di San Martino l’estate
tra vapori di mosto ribollente
e botti di memorie antiche, 
dov’il mio pensiero pigro
fluttua in estasi permanente.

Oggi tutto langue intorno,
s’alza un rintocco di campane
verso un cielo assente,
scavato tra le nebbie
di questi tempi amari.

             ***

   LATE SUMMER

Rhythms of undertow leave
on the washed out and weary shore.
Rooms of silence open up
amid rocks where the sun
in clusters of light lingers.

Smells of San Martino’s summer
amid vapors of bubbling must
and barrels of ancient memories
where my lazy thought
floats in lasting ecstasy.

Today everything languishes
the tolling of bells arises
towards a so far sky,   

dug in the mists
of these bitter times.

By Franca Colozzo

*

Ottobre 20, 2020 – October 20, 2020

La mia spiaggia preferita con rovine consolari romane. Il mio scoglio solitario su cui amo vagheggiare. 

My favorite beach with Roman consular ruins. My lonely rock on which I love to wander.

 Ottobre 20, 2020  

Cromie in deriva appagano 

tra i silenzi quest’ottobrata

muta di vento, ebbra di sciacquii

in lenta moria sulla battigia.

Oggi al sole mi stendo,

lascio tristi pensieri

nelle pozze brulicanti luce.

Salsedine dall’aria aspiro,

brezza crescente arsa d’estate

e di memorie antiche.

Non m’arrendo alla piena

ch’ogni cosa travolge

nell’attesa d’un domani 

appeso al filo della paranoia.

Disteso al flusso dell’onda,

il mio pensiero naviga errabondo

tra cumuli di torreggianti vele,

al limitar del cielo,

dove si placa ogni desiderio

dinanzi alla sete d’infinito.

 October 20, 2020 

Colors in drift satisfy
amid silences this October,
change of wind with rinses
dying slowly on the shoreline.

Today in the sun I lie down,
I leave sad thoughts
in the pools teeming with light.
Salt from the air I suck,
growing summer breeze
and ancient memories.

I do not give up on the wave
that overwhelms everything today
waiting for a tomorrow
hanging on the edge of paranoia.

Bent to the flow of the wave,
my thought wanders
amid mounds of towering sails,
to the limit of the sky,
where every desire quiets
in front of thirst for infinity. 

By Franca Colozzo

*

Sogno di Icaro a Ottobre – Dream of Icarus in October

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

SOGNO DI ICARO A OTTOBRE

Quest’Ottobre sa d’ali bruciate al sole,

d’Icaro in volo sopra mare in tempesta

che squassa, ulula, scuote cavità sommerse.

Dai marosi sopra lo scoglio solitario mio,

che come Nave si profila all’orizzonte,

rifuggo, rondine marina, in volo radente.

Sentinelle fedeli, i cormorani, impalati

su ardite rocce, stanziano con i gabbiani.

Mi fermo con lo sguardo e scruto il mare…

Icaro in volo, tempesta dentro e fuori,

varco i confini angusti della mente mia,

m’arrendo alla cieca dei frangenti furia.

M’isso in alto a toccare il terso azzurro,

ma sfioro il disco solare incandescente  

tra nembi avvolti in spirali di vento.

Urlo e precipito tra gran fumo di ali

sulla barriera dei miei dolenti desideri

incontro a sogni che mai saranno veri.

                                §§§

DREAM OF ICARUS IN OCTOBER

This October smells like wings burned in the sun,

of Icarus flying over a stormy sea

shaking, howling, on submerged cavities.

From the billows above my lonely rock,

that like a ship looms on the horizon,

I flee, sea swallow, in low flight.

Faithful sentinels, the cormorants, impaled

on bold rocks, are together with the seagulls.

I stop with my eyes and scan the sea …

Icarus in flight, storm inside and out,

I cross the narrow confines of my mind,

I blindly surrender to the waves fury.

I look up to touch the clear blue,

but I touch the incandescent solar disk

between clouds wrapped in wind spirals.

I scream and fall into great smoke of wings

on the barrier of my painful desires

to meet dreams that will never be true.

By Franca Colozzo

*

Equinox

Illustrazione Di Vettore Della Costellazione Della Bilancia Illustrazione  di Stock - Illustrazione di calendario, esoterico: 85057674

          EQUINOX


Gira nel non-tempo la sfera,
tra notte e giorno contesa.
Equinox s’alza la marea
per luna crescente.

La Regina di Spade
da mani cartomanti affiora 
e come foglia si posa
sul dilemma di allora.

Essere o non essere:
oscilla la Libra
nello Zodiaco celeste
in apparente stasi.

Colgo dalla brezza
allegoria di vento,
mentre verso l’orizzonte isso
le vele del mio bastimento.

§§§

          EQUINOX


The sphere turns in no time,
contended between night and day.
Equinox the sea rises
for the growing moon.

The Queen of Swords
from fortune tellers hands

emerges, like a leaf she alights
on the dilemma of that time.

To be or not to be:
Libra swings
in the celestial Zodiac
in apparent stasis.

I catch from the breeze
Allegory of wind,
while towards the horizon
I set the sails of my ship.

By Franca Colozzo

*

Autunno, domani … Autumn, tomorrow…

   Autunno, domani…

L'immagine può contenere: pianta, fiore, cielo, albero, spazio all'aperto e natura

Un brivido di pioggia

che dalle rocce

riaffiora in pozze d’acqua

rilucenti al sole:

ecco l’Autunno

con sogni sulla riva

in vortici di foglie.

La pace sa di sciabordii

e latrati di cani

in scorribande felici.

Del mare noti confini 

varco tra verdi filamenti

di pensieri in apnea. 

Sull’onda lascio ogni ansia

come foglia abbandonata

al vento autunnale.

Caduche foglie vanno

alla deriva e tessono colori 

per rivestire di gioia

la mia malinconia.

            §§§

Autumn, tomorrow…

A shiver of rain
which from the rocks
resurfaces in pools of water
shining in the sun:
here is Autumn
with dreams on the shore
in swirls of leaves.


Peace smells of lapping
and dog barking
in happy raids.

Known borders of the sea
gap between green filaments
of thoughts in apnoea.


On the wave I leave all anxiety
like an abandoned leaf
in the autumn wind.

Deciduous leaves go
adrift and dance colors
to clothe with joy
my melancholy.

By Franca Colozzo

*

Sognando l’Autunno – Dreaming of Autumn

   Sognando l’Autunno

Un brivido di pioggia scivola dalle rocce
in cavità rilucenti al sole.
Ecco Settembre!

Sfiora albe perlacee
e si prepara a rivoli di pensieri
scompaginati.
Ore passate ad ascoltare il suono
d’agognata pace,
pure dopo la prigione,
pur dopo il tempo scivolato via
nell’antica magione
dove l’anima mia s’attarda
ad intrecciare sogni.
Oggi solo il mormorio
del mare asseconda la marea
tra latrar di cani in allegria.
M’adagio sull’onda come foglia
libera di volare.
Caduche foglie vanno alla deriva
e d’autunno incipiente
tessono i colori dell’oblio
per rivestire di gioia la mia malinconia.

   Dreaming of Autumn

A shiver of rain slips from the rocks
in hollows glistening in the sun.
Here it’s  September!

It touches pearly dawns
and prepares for streams

of messed up thoughts.

Hours spent listening to the sound
of longed for peace,
even after prison,
even after the time slipped away
in the old mansion
where my soul lingers
to weave dreams.
Today only the murmur
of the sea follows the tide
amidst the barking of happy dogs.
I lay on the wave-like a leaf
free to fly.
Deciduous leaves drift
and incipient autumn
weave the colors of oblivion
to clothe my melancholy with joy.

By Franca Colozzo

*

THE VOICE OF LEBANON – La voce del Libano

Invio in segno di amicizia tra i nostri due paesi, Italia e Libano, una mia poesia pubblicata sul web e su vari siti letterari, in particolare su La Recherche (www.larecherche.it).Sperando che l’apprezziate e certa che l’Italia sta facendo la sua parte, come sempre vicina al Libano, è il mio umile omaggio ad una terra martoriata da sempre alle porte del medio Oriente.  Grazie per la cortese attenzione con l’auspicio che questo triste momento sia solo un brutto ricordo di monito per tutto il mondo. 

As a sign of friendship between our two countries, Italy and Lebanon, a poem of mine published on the web and on various literary sites, in particular on La Recherche (www.la recherche.it): 
Hoping that you appreciate it and certain that Italy is doing its part, as always close to Lebanon, it is my humble homage to a tormented land that has always been at the gates of the Middle East. Thank you for your kind attention with the hope that this sad moment is just a bad reminder to the whole world.

         LA VOCE DEL LIBANO

Qual è la voce del Libano?

Quale l’attesa di verità?

Inganno o illusione del vero

si celano tra le rovine dell’incuria umana?

Come ti senti Beirut ora?

Quale calamità maggiore del tuo volto devastato!

Oggi navigo in mezzo al tormento di domande senza risposta,

ma chi conosce la verità, parli per favore.

L’incubo del terrorismo mi ha stretto un nodo alla gola:

scopri il velo, o uomo, che giaci esangue sulle soglie del tempo!

Siano la tua fede la tua bandiera, la libertà la tua veste,

l’umanità il tuo destino a metà tra animale e divino.

Un Adamo sbagliato ed un’ Eva complice

alla ricerca dell’ illusione d’una felicità

senza spazio né tempo.

Adamo si dovrà purificare,

ma Eva non fu la principale artefice, 

solo l’anima d’un Adamo

schiavo dei suoi desideri.

BEIRUT piange ora i morti suoi.

Ma chi sradicherà la radice del male, dell’intolleranza,

della schiavitù, chi romperà le catene?

Alzati Libano dalle tue ceneri,

riprendi il cammino di accoglienza, solidarietà, amore.

Nei tuoi campi profughi conti le ore

d’una clessidra ferma  all’esplosione.

Alzati Libano e cammina ancora:

tu sei del Medio Oriente la bussola,

il faro in un mare tempestoso,

la speranza negata, sei la vita mancata

al siriano, al profugo palestinese,

alla viltà d’un mondo immerso nel male.

LIBANO rinasci ora,

innalza nel vento la tua preghiera,

al di là d’ogni religione,

volerà alta la tua bandiera insanguinata

per afferrare il grido che si leva

dal tuo cuore stretto dal dolore.

Sia questo l’inizio di un nuovo fato,

un percorso negato finora alla Storia…

   * English version

              THE VOICE OF LEBANON

What is the voice of Lebanon?

What is the expectation of truth?

Deception or illusion of the truth

are hidden among the ruins of human neglect?

How do you feel Beirut now?

What greater calamity than your devastated face!

Today I sail through the torment of unanswered questions,

but whoever knows the truth, please speak.

The nightmare of terrorism has made a lump in my throat:

O man, discover the veil which  bloodless 

lies on the threshold of time!

May your faith be your banner, liberty your garment,

humanity your destiny halfway between animal and divine.

A wrong Adam and an accomplice Eve

in search of the illusion of happiness

without space or time.

Adam will have to be purified,

but Eve was not the main architect,

but the soul of an Adam enslaved by his desires.

Beirut now mourns his dead.

But who will eradicate the root of evil, intolerance,

of slavery, who will break the chains?

Rise Lebanon from your ashes,

resume the path of welcome, solidarity, love.

In your refugee camps you count the hours

of an hourglass stopped at the explosion.

Get up Lebanon and walk again:

you are the compass of the Middle East,

the lighthouse in a stormy sea,

hope denied, you are the missing life

to the Syrian, to the Palestinian refugee,

to the cowardice of a world steeped in evil.

Lebanon reborn now,

raise your prayer in the wind,

beyond any religion,

it will fly like your bloody flag

to grasp the cry that rises

from your heart tight in pain.

Let this be the beginning of a new fate,

a path so far denied to history. 

By Franca Colozzo

(All rights reserved)

*

Kashmiri Hymn, August 5, 2020 – ODE al Kashmir

https://www.larecherche.it/video_grande.asp?Id=2903

Kashmiri Hymn

August 5, 2020

Brothers and sisters of Kashmir,

be ready for redemption,

be cohesive:

the time has come.

Go down from the mountains,

from  houses with memory,

crossing rivers

and steep slopes.

Raise your protest

high in the wind

and go down to the valley

without hesitation!

Kashmiris of ancient value

may your hearts be filled,

join forces

aimed at strong ideals

of value and faith, 

swaggering marching

meet your dreams.

Let it be a song of peace

ardent harbinger,

let this be a warrior song

but full of love!

Kashmiri sisters and brothers 

the hour is ripe:

Srinagar waits

the flood wave

like river in spring.

Free yourself from evil.

Freedom is your flag!

Women, children, men, the elderly

march all together

towards your future!

For the enemy curfew
and recent lockdown agony,
the step is short e
the eternal memory.

Brothers and sisters  of Kashmir,

be ready for redemption,

cohesive marches:

Time is ripe now…

            §§§

Ode al Kashmir  

5 agosto 2020


Fratelli e sorelle del Kashmir,
siate pronti per la redenzione,
siate coesi:
è giunto il momento.


Scendete dalle montagne
dalle case con memoria,
attraversando fiumi
e pendii ripidi.

Innalzate la  vostra protesta,
alta nel vento,
e scendete a valle
senza esitazione!

Kashmir di antico valore
siano pieni i vostri cuori,
unite le forze
mirate a forti ideali 

di valore e fede,
spavaldi in marcia andate
incontro ai vostri sogni.

Lasciate che sia un canto di pace

ardente presagio,
lasciate che questa

sia una canzone guerriera
ma piena d’amore!

Sorelle e fratelli del Kashmir
l’ora è matura:
Srinagar aspetta
l’ondata di alluvione
come un fiume in primavera.
Liberatevi dal male.
La libertà è la vostra bandiera!

Donne, bambini, uomini, anziani
marciate tutti insieme
verso il vostro futuro!
Sia del passato onta

per il coprifuoco nemico 
e recente agonia da lockdown,
il passo è breve, 
eterno è il ricordo.

Fratelli e sorelle del Kashmir,
siate pronti per la redenzione,
marciate coesi: 
i tempi sono maturi …

*

Once upon a time there was Kashmir…

A year after the Indian siege, a sad anniversary of August 5, my humble tribute goes to the Kashmiri people who are doubly suffering also due to the worsening of the health situation because of the pandemic.

Ad un anno dal coprifuoco indiano, triste ricorrenza del 5 Agosto, il mio umile tributo va al popolo del Kashmir che sta doppiamente soffrendo a causa anche dell’aggravarsi della pandemia.

L'immagine può contenere: montagna, cielo, nuvola, spazio all'aperto e natura

Once upon a time there was Kashmir…  

Once upon a time there was Kashmir…
A country enclosed in the fairy tales,
from the turreted mountains and joyful rivers,
from cheerful people with colorful shawls,
interwoven with a rainbow of life.


There was a dream suspended
at the gates of Heaven
between dances and ancient songs.
Today a year of siege knocks on the doors
and the pandemic lockdown too:
poor communication, killings, beatings,
men imprigionati, of women kidnappings
orphaned children without a smile,
crying of those who remain of hope deprived.
Why on earth so much violence? So much cruelty?
But the Kashmiris’ song does not bend to death.

Curfew plus pandemic, there is no shore of pity,
without contacts, drifting from history,
Kashmiri people deprived of dignity,
condemned to remain in shame,
in oblivion, on the edge of truth.


No smile for those suspended in life:
women raped by brutal violence,
mothers torn from their hearth,
the cry of parched eyes from pain is also silent.
But beyond the bitter the song resounds
of brave heroes, lost in the wind
among valleys and hills, beyond indifference
of a deaf and blind world,
cowardly spectators of all infamy
and Human Rights violation.
Once upon a time there was Kashmir…

                              §§§

C’era una volta il Kashmir…

C’era una volta il Kashmir…

un paese racchiuso nelle fiabe,
dalle montagne turrite e dai fiumi gioiosi,
da gente allegra con scialli colorati,
intrecciato con un arcobaleno di vita.

C’era un sogno sospeso
alle porte del cielo tra balli e canzoni antiche.
Oggi un anno di assedio bussa alle porte
e anche il blocco della pandemia:
scarsa comunicazione, omicidi, percosse,
uomini imprigionati, rapimenti di donne
bambini orfani senza sorriso,
pianto per coloro che rimangono privati ​​della speranza.
Perché mai tanta violenza? Tanta crudeltà?
Ma la canzone del Kashmir non si piega a morte.

Coprifuoco più pandemia, non c’è sponda di pietà,
senza contatti, alla deriva dalla storia,
Le persone del Kashmir private della dignità,
condannato a rimanere nella vergogna,
nell’oblio, al limite della verità.


Nessun sorriso per chi è sospeso nella vita:
donne violentate dalla violenza brutale,
le madri strappate dal loro focolare,
anche il grido degli occhi riarsi dal dolore è silenzioso.

Ma oltre l’amaro risuona la canzone
di eroi coraggiosi, persi nel vento
tra valli e colline, oltre l’indifferenza
di un mondo sordo e cieco,
spettatori codardi di tutta l’infamia
e violazione dei diritti umani.
C’era una volta il Kashmir …

*

Wait for me on the threshold of time – Aspettami…

L'immagine può contenere: acqua e spazio all'aperto

Aspettami alle soglie del tempo…

  Non ero sola al margine del bosco, oltre la siepe…

Non ero incerta luce sul sentiero.

Inciampai, caddi? Sono colpevole forse?

Ma c’eri tu là in fondo a tendermi la mano.

Leggera piuma sospesa procedevo nel vento,

ballonzolata qua e là tra impervi declivi

Balzi lievi come battito di ali,

angeliche presenze sempre accanto a me.

Parlo con loro, mi rispondono voci senza voce,

silenzio fattosi spirito, essenza musicale.

Tu, involucrato nei silenzi,

fai scorrere il tempo nella clessidra,

insensibile biologico convertitore,

beffardo verso noi uomini indifesi da morte certa,

angolo oscuro in cui ci smarriamo sempre. 

Oceano calmo è il tempo nella sua ristagnante quiete,

increspato di vita, scintille in movimento,

onde flessuose in un crescendo che muore a riva,

marea di pensieri oscillanti tra l’essere e il divenire.

Ma fermerò l’attimo prima del nulla,

inafferrabile istante, fermerò l’attimo per incontrarti

oltre le soglie di questo tempo disumano,

afflitto dalla pandemia e dalla stoltezza.

Oltre lo spazio di questa vita terrena,

specchio d’infinite vite dove incontrai il tuo sguardo

che riconosco tra milioni. Non potrai sottrarti all’ineluttabile fato… 

   Wait for me on the threshold of time …

  I was not alone at the edge of the forest,

beyond the hedge …I was not uncertain light on the path.

Stumbled, fell? Am I guilty perhaps?

But you were there at the bottom holding out my hand.

Light suspended feather I proceeded in the wind,

wandering here and there among impervious slopes.

Light leaps like flapping wings,angelic appearances always next to me.

I talk to them, voiceless voices answer me,silence made spirit, musical essence.

You, enveloped in the silences,

let time pass in the hourglass,

insensitive biological converter,

mocking us defenseless men from certain death,

dark corner where we always get lost.

 Calm ocean is time in its stagnant stillness,

rippled with life, sparks moving,

soft waves in a crescendo that dies ashore,

flood of thoughts oscillating between being and becoming.

But I’ll stop the moment before nothing, elusive moment,

I will stop the moment to meet you beyond the thresholds

of this inhuman time,plagued by the pandemic and foolishness.

Beyond the space of this earthly life, mirror of infinite lives

where I met your gaze that I recognize among millions.

You will not be able to escape the inevitable fate …

 By Franca Colozzo  

*

In fuga – Runaway

              In fuga

In fuga dai pensieri la corrente

mi porta lontano dalla riva

tra spumeggianti cime di marosi

in cui s’annega ogni ansia

e del giorno frenesia.

Distanziati corrieri

ormai rifuggono i pensieri

dalla follia che incombe

e furoreggia oltre la sponda

d’ogni umano sentire.

Sospese in uno slancio 

all’orizzonte, acqua ed aria

tracimano vapori

tra onde e nuvole errabonde.

Vigili sentinelle,

galleggiano pensieri,

muti guerrieri

d’ore passate a coltivare sogni.

Lo scoglio, rifugio di gabbiani 

sugli aculei di pietra,

m’osserva andare alla deriva.

Esilio in alto mare cerco

oltre la riva d’ingannevoli rivi.

                     ***

             

Runaway

Running away from thoughts

stream takes me away from the beach
among sparkling peaks of billows
in which every anxiety drowns
and of the day frenzy.

Spaced couriers,
now thoughts are shunning
from the looming madness
and fury beyond the limit
of every human being.

Suspended in a momentum

on the horizon, water and air
steam overflow
between waves and errant clouds.

Watchful sentries,
my thoughts float,
mute warriors
of hours spent cultivating dreams.

The rock, a refuge for seagulls
on the stone quills,
watches me drifting.
I try to exile on the high seas
beyond the bank of deceptive rivers.

By Franca Colozzo

*

Abbraccio il sole – I embrace the sun

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, acqua e natura

💃 Sono onorata di avere tre delle mie recenti poesie sul Covid-19 pubblicate nell’Antologia “Quarantena a Combray” www.LaRecherche.it Antologia proustiana
https://www.larecherche.it/…/Quarantena_a_Combray_di_AaVv.p…
a cura di Giuliano Brenna & Roberto Maggiani.
1) Proscenio da spaccio |Franca Colozzo| Pag. 36;
2) Covid 19 |Franca Colozzo| 174;
3) Abbraccio |Franca Colozzo| 257

💃 I am honored to have three of my latest poems on Covid-19 published in the Combray Quarantine Anthology www.LaRecherche.it
https://www.larecherche.it/…/Quarantena_a_Combray_di_AaVv.p…
Proustian anthology by Giuliano Brenna & Roberto Maggiani

     ABBRACCIO IL SOLE


Abbraccio il sole sulla terrazza aprica,
volgo lo sguardo verso il mare lontano,
complice tra onde di pensieri in arrivo.

Nubi contorte giocano serene
mentre ogni affanno è colto al mattino
da uomini lasciati invano a lottare
contro un fantasma mai visto prima.

Sembra ammiccare infelice il mare,
restio a farsi amare ancora,
come sole offuscato all’improvviso,
veleggia lontano anche il sorriso.

Sarà l’estate o la bella stagione
ch’avanza pigramente, così
Zeffiro tende ad alleviare tensioni.

Come lucertola al sole m’abbandono,
avida di calore, e da questo tempo
rifuggo ogni immancabile tenzone.

I EMBRACE THE SUN


I embrace the sun on the open terrace,
I look towards the distant sea,
accomplice in waves of incoming thoughts.

Twisted clouds play serene
while every breath is caught in the morning
by men left in vain to fight
against a ghost never seen before.

The sea seems to blink unhappily,
reluctant to be loved again,
like sun suddenly clouded,
even the smile is sailing away.

It will be summer or summer
advancing lazily, like this
Zeffiro tends to ease tensions.

As a lizard in the sun I abandon myself,
greedy for heat, and from this time
I avoid any inevitable fight.

By Franca Colozzo

*